CAMPIONATO 2014/15

Milano, 19 aprile 2015 - XXXI° giornata

Inter - Milan 0-0

Inter: Handanovic, D'Ambrosio, Ranocchia, Vidic, Juan Jesus, Gnoukouri (66' Obi), Medel, Kovacic (76' Shaqiri), Hernanes, Palacio, Icardi. A disposizione: Carrizo, Andreolli, Podolski, Santon, Felipe, Puscas, Nagatomo, Dimarco, Palazzi, Bonazzoli. Allenatore: Roberto Mancini

Milan: Diego Lopez, Abate, Alex (70' Paletta), Mexes, Antonelli, Poli (81' Cerci), De Jong, Van Ginkel, Suso (73' Destro), Menez, Bonaventura. A disposizione: Abbiati, Donnarumma, De Sciglio, Honda, Pazzini, Rami, Zapata, Bonera, Paletta, Mastalli. Allenatore: Filippo Inzaghi

Arbitro: Banti Luca di Livorno; Assistenti: De Luca, Vuoto; Assistenti addizionali: Guida, Doveri; IV° uomo: Preti

Note: ammoniti al 28' Medel, 33' De Jong, 35' Juan Jesus, 81' Abate, 83' D' Ambrosio, 84' Hernanes; angoli 9 a 3 per l'Inter; recupero pt 1', st 4'

MILANO - La Curva Nord si presenta con il Castello Sforzesco, il simbolo di Milano, sugli spalti, un colpo d'occhio che lascia senza fiato l'intero stadio pieno. Il popolo nerazzurro è carico, il tifo assordante e i nerazzurri, in campo, costringono nella loro metà campo i rossoneri che per i primi dodici minuti non la superano mai. Al 2' Palacio scambia con Hernanes il quale mette a sedere Alex con una finta in piena area di rigore ma in seconda battuta Mexes è attento ed allontana la minaccia. Al 5' lancio di Icardi per Palacio leggermente lungo e al 7' Palacio si esibisce in una azione personale con Alex, in scivolata, che salva in angolo. Mancini ha messo in campo il ragazzino della primavera, classe 1996, Gnoukouri, all'esordio dal primo minuto, e il ragazzo si rende pericoloso al 9' con uno scambio con Hernanez e passaggio finale a Palacio il quale non riesce a trovare lo spazio per concludere a rete dall'area piccola. L' Inter domina e al 11' gran sinistro di Hernanes dalla distanza, pallone che è indirizzato all'incrocio dei pali, ma Diego Lopez è bravissimo e devia in angolo. Passano due minuti ed è Kovacic a liberarsi per il tiro, la posizione è buona ma il pallone termina alto sopra la traversa. L'Inter gioca bene, il Milan pensa a contenere e solo al 14' riesce a portarsi dalle parti di Handanovic: è Menez che in contropiede mette in mezzo un pallone pericoloso che taglia tutta l'area e che trova Juan Jesus attento nella diagonale difensiva. Ora il Milan prende coraggio e con Suso va alla conclusione per due volte con due azioni simili, entrambe dalla destra e entrambe concluse con un sinistro secco sui quali Handanovic si destreggia senza particolari patemi. Dopo questi cinque minuti in cui il Milan ha tentato di farsi pericoloso, l'Inter riprende a macinare gioco e va alla conclusione con Medel, Antonelli tocca con un braccio ed è calcio di punizione che Hernanes spreca alto. Al 29' contropiede del Milan con Abate, Medel contrasta il terzino rossonero e Banti fischia una punizione dubbia, sugli sviluppi della punizione Mexes mette nel sacco la palla ma Banti annulla il gol per fuorigioco di Alex e De Jong. I ritmi dei primi 30 minuti sono stati altissimi e nei restati minuti della prima frazione le due squadre rifiatano, qualche potenziale occasione su entrambi i fronti d'attacco ma di pericoloso non succede più niente e la prima frazione termina con il punteggio di 0 a 0. La ripresa inizia con il Milan che sembra abbia un piglio diverso, l'approccio alla gara è diverso da quello iniziale di partita e per i primi 5 minuti ha il pallino del gioco. Al 47' è Bonaventura a rendersi pericoloso, fuori dallo specchio della porta il suo tiro, e questo è l'ultimo sussulto rossonero. Dal 51' è un monologo nerazzurro e proprio allo scoccare del 51' Palacio mette in rete: bellissima azione condotta da Hernanes, passaggio per Icardi il quale mette in mezzo per Palacio che insacca ma il collaboratore dell'arbitro intravede una millimetrica posizione di fuorigioco di Icardi e giustamente fa annullare la rete da Banti. È un forcing continuo nerazzurro e al 58' occasionissima per Palacio il quale salta Diego Lopez e indirizza la sfera verso la porta, sulla traiettoria si trova Mexes che in qualche modo riesce a respingerla; al 59' D'Ambrosio scende sulla fascia e mette in difficoltà Bonaventura il quale, in affanno, mette in angolo; al 62' è Kovacic a provare con pallone che termina non di molto a lato e al 64' episodio clamoroso in area rossonera: pallone che giunge ad Harnanes il quale calcia di sinistro, pallone che è indirizzato nello specchio della porta e Antonelli che tocca con una mano con il braccio abbondantemente lontano dal proprio corpo, è un calcio di rigore solare ma non viene concesso, nè il sig. Banti e nè l'arbitro addizionale lo vedono. L'Inter continua a premere con Il Milan che può solo provare a contenere. Al 69' bellissima azione nerazzurra con Palacio che serve in piena area Icardi il quale a due passi da Diego Lopez non riesce a toccare la sfera. Al 77' doppia occasione per l'Inter: prima Ranocchia da due passi non riesce a trovare l'impatto, di testa, con la palla e sul susseguirsi dell'azione Juan Jesus lascia partire un bolide con Diego Lopez che, con le punte delle dita, riesce a deviare in angolo. Dagli sviluppi del calcio d'angolo e dopo un batti e ribatti, pallone che giunge a Palacio il quale, a nemmeno un metro dalla linea della porta, devia la sfera verso la rete, incredibilmente la sfera sbatte su Diego Lopez, trovatosi li per caso, e azione che sfuma. L'Inter ci prova fino alla fine e all' 81' Hernanes offre un gran pallone a D'Ambrosio il quale con un gran tiro sfiora la traversa. Dopo un assedio durato 35 minuti, l'Inter rifiata un attimo e tenta di approfittarne Destro che tira dal limite un tiro che non impensierisce Handanovic. All' 89' ci prova il nuovo entrato Shaqiri, ma il suo sinistro termina alto sopra la traversa. Quattro minuti di recupero e proprio allo scoccare del primo minuto gran lancio di Shaqiri per Icardi il quale aggancia il pallone, si destreggia egregiamente in piena area di rigore e lascia partire un gran destro, Diego lopez è completamente sorpreso e fermo ma non è proprio serata e il pallone sfila a lato del palo destro del portiere rossonero. C'è ancora tempo per un paio di traversoni, uno di Shaqiri e uno di D'Ambrosio, e poi il sig. Banti fischia la fine dell'incontro, incontro che termina a reti in bianco non certo per colpa dell'Inter .

La squadra scesa in campo