CAMPIONATO 2014/15

Milano, 4 aprile 2015 - XXIX° giornata

Inter - Parma 1-1

Inter: Handanovic, Santon, Ranocchia, Felipe (76' Podolski), Juan Jesus, Guarin, Medel, Brozovic, Shaqiri (89' Hernanes), Palacio, Puscas (46' Kovacic). A disposizione: Carrizo, Campagnaro, Obi, Gnoukouri, Camara, D'Ambrosio, Nagatomo, Dimarco, Bonazzoli. Allenatore: Roberto Mancini

Parma: Mirante, Feddal, Costa, Mendes, Gobbi, Nocerino, Jorquera (83' Cassani), Lila (46' Ghezzal), J. Mauri, Varela, Belfodil (77' Coda). A disposizione: Bajza, Iacobucci, Prestia, Palladino, Lodi, Santacroce, Esposito. Allenatore: Roberto Donadoni

Reti: 24' Guarin, 44' Lila

Arbitro: Peruzzo Sebastiano di Schio; Assistenti: Fiorito e Tasso; Assistenti addizionali: Tommasi e Pinzani; IV° uomo: Barbirati

Note: ammoniti al 60' Ranocchia, 73' Felipe; angoli 5 a 2 per l'Inter; recupero pt 1', st 4'

MILANO - L'Inter schiera dal primo minuto George Puscas ed è proprio con l'attaccante romeno a costruisce la prima occasione pericolosa della partita al 13': l'attaccante nerazzurro classe '96 lavora un bel pallone e serve Shaqiri che si inserisce e calcia di sinistro, tiro debole e Mirante para. Il possesso palla è nerazzurro ma le azioni sono lente e il Parma si difende agevolmente. Al 25' giunge inaspettato il gol del vantaggio nerazzurro: Guarin trova lo spazio per la conclusione dalla distanza tiro abbastanza potente, deviazione di Mauri e palla in rete, con Mirante battuto. Il gol dovrebbe tranquillizzare i nerazzurri ed invece gli addormenta completamente e il Parma, tutt'altro che arrendevole, reagisce a al 38' Belfodil scappa sull'out di destra, finta su Ranocchia e tira, bell'intervento dell'ex Felipe il quale è bravissimo a contrastare l'algerino. Il Parma insiste, al 40' punizione di Costa deviata sulla barriera e al 45' giunge al pareggio: cross di Varela, Lila si inserisce tra Medel e Juan Jesus e di testa batte Handanovic.

La ripresa vede Kovacic in campo, al posto di Puscas e proprio il nuovo entrato, al 53', cerca il colpo vincente di testa su cross di Juan Jesus, ma il pallone termina alato. Nulla di fatto. L'Inter alza il baricentro, il Parma arretra ma la manovra è lenta e Mirante non effettuerà alcuna parata sino alla fine della partita è anzi è il Parma a rendersi pericoloso: al 58' con Varela, bravissimo Brozovic a chiudere in diagonale e al 75' con Belfodil che non sfrutta un bellissimo passaggio di Ghezzal. Il tempo passa inesorabile, l'Inter non riesce mai a tirare in porta e trascorsi i quattro minuti di recupero, il sig. Peruzzo fischia la fine della partita ed insieme al suo fischio si odono i fischi del non numeroso pubblico di San Siro.

Guarin, autore del tiro, poi deviato, che porta in vantaggio l'Inter