CAMPIONATO 2014/15

Milano, 15 marzo 2015 - XXVII° giornata

Inter - Cesena 1-1

Inter: Handanovic, D'Ambrosio, Ranocchia, Andreolli, Dodò (61' Santon), Guarin, Medel, Kuzmanovic (46' Podolski), Shaqiri (24' Kovacic), Palacio, Icardi. A disposizione: Carrizo, Berni, Campagnaro, Obi, Santon, Felipe, Puscas, Brozovic, Hernanes. Allenatore: Roberto Mancini

Cesena: Leali, Perico, Capelli, Krajnc, Magnusson, Giorgi, Mudingayi (80' Cascione), De Feudis (73' Pulzetti), Carbonero, Defrel, Djuric (80' Rodriguez). A disposizione: Agliardi, Bressan, Nica, Brienza, Volta, Succi, Gaiola, Moncini. Allenatore: Domenico Di Carlo

Reti: 29' Defrel, 48' Palacio

Arbitro: Gervasoni Andrea di Mantova; Assistenti: Dobosz, Iori; Assistenti addizionali: Tagliavento, Manganiello; IV° uomo: Di Fiore

Note: spettatori paganti 28.549; ammoniti al 26' Defrel, 46' Ranocchia; angoli 7 a 2 per l'Inter; recupero pt 2', st 3'

MILANO - Finisce 1-1 Inter-Cesena. Un gol per tempo, con i nerazzurri che non sono riusciti a trovare il gol vincente nel secondo tempo. Al 6' è D'Ambrosio ad essere pericoloso dopo uno scambio con Guarin ma il suo tiro esce a lato. Al 14' Kuzmanovic spaventa Leali: puntuale il suo inserimento in area, colpo di testa su cross di Guarin e pallone che esce alto. Al 22' si vede, in avanti, anche il Cesena, tiro di Carbonero con Ranocchia che respinge. La partita non è bellissima e al 30' il Cesena passa improvvisamente in vantaggio: palla persa a centrocampo da Guarin, sfera che giunge a Djuric che di petto serve Carbonero il quale lancia in profondità per Defrel che supera in velocità D'Ambrosio e Ranocchia e con un pallonetto scavalca Handanovic uscito al limite dell'area. L'Inter tenta di reagire e al 34' Guarin lascia partire un gran sinistro dal limite dell'area, Leali è battuto ma il pallone esce fuori dalla specchio della porta. Al 38' Kuzmanovic batte un calcio di punizione, pallone in area di rigore del Cesena dove svetta Guarin il quale, però, non riesce ad inquadrare la porta. E' l'ultima azione degna di nota del primo tempo che termina con gli ospiti in vantaggio e con i fischi dello scarso pubblico di San Siro.

Nel secondo tempo i nerazzurri entrano in campo con Podolski al posto di Kuzmanovic e con la voglia di raddrizzare il match e al 47' Guarin s'incunea in area di rigore, arriva fino in fondo e, forse con il pallone che è fuori, mette in centro, tiro di Dodò, pallone che giunge a Icardi che in rovesciata mette in rete, bellissimo gol che però Gervasoni annulla per fuorigioco inesistente. Passa un minuto e questa volta il gol del pareggio è valido: traversone di Icardi, Palacio si avventa sul primo palo e pallone che gonfia la rete. L'Inter insiste ma al 51' il Cesena sfiora il gol: Defrel, lanciato in contropiede, sfrutta una ennesima disattenzione difensiva, supera due difensori nerazzurri e si presenta solo davanti ad Handanovic il quale è bravissimo a non farsi superare e abbranca il pallone sui piedi dell'attaccante cesenate. Al 55' poderosa azione di Podolski che si accentra e lascia partire un gran tiro che manda il pallone sul palo interno, sfera che non entra e che termina a D'Ambrosio il quale tutto solo sbaglia l'appoggio ad Icardi solitario a centro area. Al 66' traversone di D'Ambrosio, pallone sulla testa di Icardi il quale schiaccia verso la porta, Leali è ben piazzato e para agevolmente. Al 75' Palacio serve di tacco Icardi che di sinistro non trova lo specchio, proseguo dell'azione e Podolski non riesce a trovare la via del gol. Inter ancora avanti, Podolski manca una ennesima occasione e Icardi, servito da Guarin, non centra la porta di testa. Negli ultimi 3 minuti Podolski si rende pericoloso per due volte ma non centra la porta e alla fine l'incontro finisce 1-1.

Il gol del pareggio di Palacio