CAMPIONATO 2014/15

Cagliari, 23 febbraio 2015 - XXIV° giornata

Cagliari - Inter 1-2

Cagliari: Brkic, Dessena, Rossettini, Capuano, Avelar, Donsah, Conti, Crisetig (71' Ceppitelli), M'Poku, Cossu (67' Joao Pedro), Cop (55' Longo). A disposizione: Colombi, Cragno, Gonzalez, Murru, Pisano, Farias, Barella, Husbauer, Diakhitè. Allenatore: Gianfranco Zola

Inter: Carrizo, Campagnaro, Vidic, Juan Jesus, Santon, Guarin, Medel, Brozovic (82' Hernanes), Kovacic (92' Kuzmanovic), Icardi, Podolski (81' Dodò). A disposizione: Berni, Andreolli, Obi, Ranocchia, Puscas, D'Ambrosio, Shaqiri, Palacio, Dimarco. Allenatore: Roberto Mancini

Reti: 47' Kovacic, 68' Icardi, 74' Carrizo (aut)

Arbitro: Mazzoleni Paolo di Bergamo; Assistenti: Giallatini e Pegorin; Assistenti addizionali: Doveri e Ghersini.; IV° uomo: Dobosz

Note: spettatori 14.000 circa; ammoniti al 14' Brozovic, 39' Cop, 89' Campagnaro, 91' Avelar; angoli 8 a 7 per il Cagliari; recupero pt 0', st 5'

CAGLIARI - Si parte con Donsah che calcia altissimo e con un pressing asfissiante da parte del Cagliari. L'Inter non si scompone, tiene palla e pressa alto. Alla fine dei primi 45' minuti sarà 69% il dato di possesso palla da parte dei nerazzurri con 5 tiri in porta a 1, 86% di precisione nei passaggio e con Medel addirittura al 96% di passaggi riusciti. Primi venti minuti a tutta velocità e grande intensità a centrocampo, poi al 20' la prima occasione da gol: Icardi tiene palla alla grande, resiste alla carica di Rossettini e si invola sulla sinistra, lancio per Podolski il quale mette a sedere Brkic ma non riesce a trovare lo spazio per la conclusione, sfera che giunge a Brozovic che però calcia a lato. L'Inter ora spinge e al 22' Santon mette in area un gran pallone sul quale nessun interista è pronto alla deviazione. Passano tre minuti e l'azione si ripete, traversone di Santon e questa volta Podoslski è puntuale all'appuntamento, colpo di testa a colpo sicuro e sfera che finisce fuori sul palo opposto di tiro. Al 26' Icardi salta Brkic in uscita ma si defila troppo e non riesce a mettere il pallone in rete. In questo periodo sembra un tiro al bersaglio verso la porta del Cagliari, al 30' ci prova prima Brozovic e poi Icardi, ma Brkic è pronto alla parata, al 32' ci prova Guarin con Brkic che para ancora e poi è il turno di Santon con l'estremo difensore cagliaritano che para in due tempi. Al 36' arriva l'unica azione pericolosa del Cagliari del primo tempo: M'Poku salta prima Gurain e poi Campagnaro, serve Cop che conclude verso la porta, Carrizo tocca la sfera e poi Santon libera definitivamente. A 2 minuti dalla fine della prima frazione giunge l'ultima occasione per l'Inter: grande azione di Guarin che spacca il centrocampo, arriva sul fondo e serve Podolski il quale anticipa tutti di testa ma non trova la porta. Il secondo tempo è appena iniziato da due minuti e l'Inter passa in vantaggio: Kovacic inizia l'azione, Podolski, continua, Icardi non riesce a calciare e sfera che giunge a Kovacic il quale di sinistro la mette sotto la traversa. Il gol subito sveglia il Cagliari che si riversa nella metà campo interista e al 50' Carrizo deve impegnarsi a bloccare un tiro di Donsah. Al 56' azione tambureggiante del Cagliari e alla fine Cossu si ritrova solo davanti al portiere nerazzurro che è bravo a stare in piedi fino alla fine e costringe l'attaccante cagliaritano a tirare alto sopra la traversa. Al 58' Mpoku ruba palla a Jaun Jesus e si porta davanti a Carrizo il quale è bravo a coprirgli lo specchio della porta. Il Cagliari intensifica ancora di più gli attacchi e la difesa nerazzurra è sempre più in difficoltà, Carrizo è insuperabile e proprio nel momento migliore dei rossoblu, arriva il 2-0 dell'Inter: assist di Kovacic per Icardi il quale entra in area, supera con una finta Capuano, si sposta il pallone sul sinistro e disegna una parabola che porta la sfera a infilarsi all'incrocio. La partita a questo punto sembra finita ma al 74' il Cagliari trova il gol: tiro dal limite di Longo, pallone che colpisce il palo, sfera che rimbalza sulla schiena di Carrizo e che finisce in rete. Ora l'Inter stringe i denti, Mancini effettua alcune sostituzioni sistemando la difesa, rallenta i ritmi e non corre eccessivi pericoli. I nerazzurri respingono l'ultimo assalto, punizione di Conti trattenuta con sicurezza di Carrizo e colpiscono la traversa, al 50', con un gran tiro di Hernanes. E' l'ultima emozione di questa bella partita che vede l'Inter vincere la sua terza partita consecutiva in campionato.

Gran tiro di Kovacic e Inter in vantaggio

Bellissimo tiro a giro di Icardi e l'Inter raddoppia