CAMPIONATO 2014/15

Milano, 11 gennaio 2015 - XVIII° giornata

Inter - Genoa 3-1

Inter:Handanovic, Campagnaro, Vidic, Andreolli, D'Ambrosio, Medel (87' Krhin), Guarin, Palacio (65' Kuzmanovic), Hernanes (74' Obi), Podolski, Icardi. A disposizione: Carrizo, Berni, Dodò, Mbaye, Puscas, Donkor, M'Vila, Shaqiri. Allenatore: Roberto Mancini

Genoa: Perin, Izzo, Burdisso, De Maio, Edenilson, Rincon (80' Fetfatzidis), Bertolacci (83' Tino Costa), Antonelli, Iago, Matri (52' Kucka), Lestienne. A disposizione: Lamanna, Prisco, Antonini, Mandragora, Sturaro, Rosi. Allenatore: Gianpiero Gasperini

Reti: 12' Palacio, 40' Icardi, 85' Icco, 88' Vidic

Arbitro: Russo Carmine di Nola; Assistenti: Padovan, Paganessi; Assistenti Addizionali: Di Bello, Fabbri; IV° uomo: Fiorito

Note: spettatori paganti 37.525; ammoniti 71' De Maio, 82' Bertolacci, 84' Campagnaro; angoli 5 a 2 per l' Inter; recupero pt 1', st 4'

MILANO - Fluidi, fin da subito i nerazzurri si portano subito in avanti e al 2' Guarin serve Icardi sul limite dell'area, l'azione è simile a quella che ha portato al pareggio contro la Juventus solo che questa volta Perin respinge il tiro con una parata bassa. Al 5' è ancora Guarin a farsi pericoloso mentre a 7' è il Genoa a farsi pericoloso: traversone dalla sinistra di Lestienne, Antonelli anticipa Andreolli ma trova la risposta di Handanovic che respinge. Passato il pericolo, l'Inter ricomincia a macinare gioco e al 12' passa in vantaggio: lancio di dentro di Medel per Icardi che è bravissimo a coordinarsi in area, al volo indirizza verso Perin il quale respinge come può, sulla ribattuta arriva Palacio che con un tocco preciso deposita la sfera in rete. L'Inter continua a fare gioco e al 35' Palacio, servito da Podolski, prova la conclusione a giro, Perin è bravo e respinge. Passa un solo minuto e Guarin si fa 20 metri palla al piede, disorienta De Maio e mette in mezzo, la difesa Genoana allontana in affanno. Il raddoppio è nell'aria e giunge al 40': angolo battuto da Hernanes, Icardi svetta di testa e pallone in rete.

Il secondo tempo si apre con il Genoa che vuole provare a ribaltare il risultato e con l'Inter che vuole controllare la gara. Al 51' buona conclusione di Antonelli con Handanovic che para comodamente. Esce Matri, infortunato, entra Kucka e il Genoa si rende pericoloso e tra il 55' e il 62' ha tre ottime occasioni: prima con Iaco che con un tiro a giro dal limite dell'area impegna Handanovic, poi con Bertolacci che da dentro l'area si vede respingere il tiro da Medel e poi con Lestienne che colpisce la traversa con un sinistro al volo. Mancini corre ai ripari e sostituisce Palacio con Kuzmanovic e l'Inter riprende a gestire il doppio vantaggio, rallentando il gioco. Quando ormai la partita sembra finita, il Genoa la riapre all' 85' con un gol di Izzo che è pronto a riprendere una corta respinta di Handanovic su tiro di Tino Costa. L'Inter si riporta subito in avanti e tre minuti dopo trova il gol sicurezza con Vidic che è abile a sfruttare di testa su azione di calcio d'angolo.

Tocco di Palacio e Inter in vantaggio

Colpo di testa di Icardi ed è il gol del 2 a 0

Colpo di testa di Vidic e pallone che entra in rete per il 3 a