CAMPIONATO 2014/15

Milano, 21 dicembre 2014 - XVI° giornata

Inter - Lazio 2-2

Inter: Handanovic, D'Ambrosio (90' Campagnaro), Ranocchia, Juan Jesus, Nagatomo, Guarin (75' Bonazzoli), Kovacic, Kuzmanovic, Dodò (44' Medel), Icardi, Palacio. A disposizione: Carrizo, Berni, Andreolli, Vidic, Obi, Mbaye, Krhin, Hernanes. Allenatore: Roberto Mancini

Lazio: Marchetti, Basta, De Vrij, Cana, Radu, Parolo, Ledesma (81' Gonzalez), Lulic (64' Onazi), Mauri, Felipe Anderson, Klose (55' Djordjevic). A disposizione: Berisha, Strakosha, Konko, Keita, Cataldi, Cavanda, Novaretti. Allenatore: Stefano Pioli

Reti: 1' e 36' Felipe Anderson, 65' Kovacic,79' Palacio

Arbitro: Tagliavento Paolo di Terni; Assistenti: Passeri, Barbirati; Assistenti addizionali: Guida, Maresca; IV° uomo: Cariolato

Note: spettatori paganti 36.344; ammoniti al 17' Felipe Anderson, 29' Lulic, 31' Klose, 50' D' Ambrosio, 86' Gonzalez; angoli 9 a 0 per l' Inter; recupero pt 1', st 3'

MILANO - Fa freddo a Milano e a San Siro fa ancora più freddo al 1' minuto del primo tempo: Felipe Anderson riceve dalla sinistra, stop a seguire da dentro l'area, tiro secco e Handanovic è battuto, Lazio in vantaggio. L'Inter non riesce a reagire subito e la Lazio al 6' potrebbe raddoppiare: lancio di Ledesma, deviazione di Juan Jesus, palla che arriva ancora a Felipe Anderson che calcia al volo, pallone alto di poco. I nerazzurri alzano il baricentro e con Nagatomo si fanno vedere in avanti con un cross, deviato e tolto dalla disponibilità di Icardi da De Vrij all'ultimo secondo. Nell'azione successiva ci prova Guarin da fuori, ma Marchetti si accartoccia e fa suo il pallone. I ragazzi di Mancini accelerano, e con uno scambio Kovacic-Nagatomo i nerazzurri arrivano alla conclusione, deviata in angolo. Al 31' ancora Guarin al tiro da fuori area, pallone che sibila vicino all'incrocio dei pali che dà l'illusione del gol. L'Inter tenta di pareggiare e proprio quando lo sforzo per il pareggio si fa sentire, la Lazio colpisce di nuovo in contropiede: è ancora con Felipe Anderson il protagonista, il brasiliano parte della propria metà campo, punta Juan Jesus e, una volta in area, fa partire un tiro beffardo sul primo palo, Handanovic è fermo come una statua di ghiaccio e il pallone termina in rete, siamo al 36' minuto. L'Inter non si scuote, la Lazio controlla la partita e alla fine del primo tempo, gli ospiti conducono per 2-0.

La ripresa si apre con l'Inter completamente trasformata e già dai primi minuti si vede una squadra nuova. Le azioni d'attacco si susseguono e la Lazio non riesce più ad uscire dalla propria metà campo. Al 59' Kovacic scappa sul fondo e mette il pallone all'indietro per Icardi che dal cuore dell'area calcia fuori. Un minuto più tardi, azione simile, ma protagonisti diversi: Palacio all'indietro per Kuzmanovic che fa partire un tiro secco su cui Marchetti si deve impegnare per respingere il pallone in angolo. L'Inter insiste, colleziona calci d'angolo in serie e al 65' giunge il meritato gol: calcio d'angolo per l'Inter, la difesa laziale respinge, grandissimo tiro al volo da fuori area di Kovacic e pallone che si insacca violentemente in rete. Gol, urlo nerazzurro dell'intero stadio e Inter che vuole il pareggio. Entra Bonazzoli per Guarin ed è proprio il giovane nerazzurro a mettere lo zampino nel 2-2: al 79' calcio di punizione battuto, di sinistro, dal giovane attaccante nerazzurro, pallone che giunge in area dove D'Ambrosio lo tocca, sfera che giunge a Palacio che da pochi passi la scaraventa in rete. Ora la partita è completamente cambiata, l' Inter cerca la clamorosa vittoria e ci va vicinissima con Kovacic al 83': batti e ribatti in area laziale, pallone che giunge dalle parti di Kovacic che di testa l'indirizza sotto la traversa, Marchetti è reattivo e respinge la sfera con un prodigioso intervento. A un minuto dalla fine ancora un' azione pericolosa dei nerazzurri: Campagnaro si proietta in avanti, effettua un tiro-cross insidioso, pallone che attraversa tutta l'area piccola laziale senza che nessun attaccante nerazzurro riesca a intercettarlo, la palla, purtroppo, termina la corsa sul fondo e Tagliavento fischia la fine.

Gran tiro di Kovacic e inter che accorcia le distanze

 

Punizione battura da Bonazzoli e Palacio segna il gol del pareggio