CAMPIONATO 2008/09

XXXI giornata

Milano, 11 aprile 2009

 

INTER 2

Palermo 2

Toldo

Amelia

Santon

Cassani

Cordoba

Kjaer

Chivu

Carrozzieri

Maxwell

Balzaretti

(79 Crespo)

Migliaccio

Zanetti

(46 Bresciano)

Cambiasso

Liverani

Muntari

(70 Bovo)

(79 Figo)

Nocerino

Stankovic

(57 Succi)

Balotelli

Simplicio

(74 Vieira)

Cavani

Ibrahimovic

Miccoli

All. Mourinho

All. Ballardini

 

Arbitro: Carmine Russo di Nola

Marcatori: 15 Balotelli; 38 Ibrahimovic ( r ); 73 Cavani; 75 Succi

 

Inter-Palermo si gioca a San Siro il giorno prima di Pasqua e, proprio come un uovo, una partita piena di sorprese. La prima la regalano i tantissimi tifosi presenti allo stadio "Meazza" per sostenere i loro campioni, proprio come aveva chiesto Jos Mourinho. Quelle successive sono confezionate da Balotelli, prima e Ibrahimovic poi, le meno positive, invece, arrivano una dopo l'altra e segnano la rimonta del Palermo con Cavani e Succi. I nerazzurri guadagnano un punto prezioso, e il cammino verso l'obiettivo finale ancora lungo. PRIMO TEMPO - Con Francesco Toldo a sostituire l'infortunato Julio Cesar, sulla linea difensiva Jos Mourinho conferma Santon a destra, Maxwell a sinistra, Cordoba e Chivu come coppia centrale. I tre del centrocampo sono ancora Zanetti, Cambiasso e Muntari, dietro a Dejan Stankovic, alle spalle delle due punte, Balotelli e Ibrahimovic. Stesso modulo quello rosanero schierato da Davide Ballardini con Simplicio dietro Cavani e Miccoli. Dopo un minuto di silenzio in ricordo delle vittime del terremoto, seguito da applausi da parte di tutti i presenti sugli spalti, Inter-Palermo ha inizio. Al minuto 6 Balotelli rimane a terra dopo aver incassato una gomitata in pieno volto da Carrozzieri, graziato dal signor Russo. Al 10' palla gol per i nerazzurri: da una punizione di Cambiasso, Ibrahimovic parte come un fulmine sul filo del fuorigioco, sorprende del tutto la linea difensiva del Palermo e di collo prova il pallonetto, ma la conclusione troppo larga rispetto allo specchio della porta. Al quarto d'ora l'Inter sblocca il risultato: da un cross di Muntari, Mario Balotelli trova il tempo giusto per sorprendere, di testa, Amelia che evita l'uscita e subisce l'1-0. 3 minuti dopo, la stessa coppia ad essere protagonista sfiorando il raddoppio interista: da un lancio verticale del centrocampista ghanese, ancora Balotelli prova il pallonetto, ma Amelia in uscita bravo a infastidirlo (18'). Alla mezz'ora Ibra, di tacco, serve per un bel pallone a Stankovic che si butta dentro, prova il destro in corsa ma la sfera bloccata in presa alta da Amelia. Al 36' rigore netto per i nerazzurri non accordato da Russo: Migliaccio stende in area Muntari con un intervento nettamente in ritardo ma l'arbitro di Nola, da distanza molto ravvicinata, fa cenno al ghanese di rialzarsi. Il copione si ripete due minuti dopo (38'), ma questa volta Russo non ha dubbi e assegna il calcio di rigore all'Inter per una trattenuta di Kjaer su Ibrahimovic, che lo svedese trasforma nel 2-0 per la sua ventesima rete stagionale e la settima in carriera ad Amelia. Balotelli sfiora il tris al 40': a tu per tu con il portiere rosanero, l'attaccante diciottenne prova il pallonetto, ma non ha successo.
Dopo 2' di recupero, il primo tempo si chiude sul 2-0. L'Inter ha costruito, dettato e gestito al meglio i tempi di gioco. Il Palermo apparso passivo, in attesa delle mosse dei nerazzurri e la sua presenza dalle parti di Toldo stata praticamente nulla.
SECONDO TEMPO - La ripresa si apre con Bresciano al posto di Migliaccio tra le file rosanero. Nei primi 4 minuti Francesco Toldo chiamato ai primi i due interventi del match, prima su un destro da fuori area di Miccoli (2'), poi su un traversone difficile di Carrozzieri (4'). Al 10' Ibra prova la conclusione personale, ma viene murato dalla difesa rosanero, sulla ribattuta Balotelli prova il tiro a giro che a lato di un soffio. Al 22' il Palermo si rende pericoloso con un cross di Balzaretti dalla sinistra che Maxwell allontana, ma Bresciano intercetta calciando al volo di destro, il pallone termina alla destra di Toldo. Ancora Palermo al 26' con Cavani che calcia in porta dalla distanza di destro e impegna Toldo alla deviazione sulla traversa. In due minuti accade l'incredibile e il Palermo insacca due gol, uno dopo l'altro: ad accorciare le distanze al 28' ci pensa Cavani con un diagonale basso su cui Toldo non pu nulla, al 30' Miccoli, al volo, mette in mezzo per Succi, la cui deviazione decisiva per il 2-2. Jos Mourinho sostituisce Maxwell e Muntari per Crespo e Figo. L'argentino si rende subito pericoloso al 35', ma la difesa rosanero respinge. Dopo 2 minuti di recupero Inter-Palermo si chiude sul 2-2.