CAMPIONATO 2008/09

XXII ° giornata

Milano, 01 febbraio 2009

 

INTER   1

Torino   1

Julio Cesar

Sereni

Maicon

Dzemaili

Cordoba

Ogbonna

Burdisso

Rosina

Santon

Dellafiore

Zanetti

Rivalta

Cambiasso

(33’ Colombo)

Maxwell

Diana

(46’ Quaresma)

Di Loreto

Stankovic

Abate

(43’ Figo)

(80’ Rubin)

Cruz

P. Zanetti

(70’ Crespo)

Bianchi

Ibrahimovic

(77’ Stellone)

All. Mourinho

All. Novellino

 

Arbitro: Marco Bengonzi di Genova

Marcatori:  47’ Bianchi; 58’ Burdisso

 

Inter-Torino si gioca sotto la neve ma la temperatura gelida sembra solo promettere ancora più spettacolo a chi oggi pomeriggio è sugli spalti dello stadio Meazza. È una partita emozionante per la voglia dell'Inter di prendere i tre punti e per quella dimostrata dal Torino di rimanere aggrappato ad una speranza.
PRIMO TEMPO - Con Muntari squalificato, José Mourinho è costretto a ridisegnare, parzialmente, il centrocampo affidando a Maxwell la fascia sinistra e confermando Cambiasso centrale e Zanetti a destra. Dejan Stankovic resta dietro il tandem offensivo composto da Ibrahimovic, presenza numero 100 in maglia nerazzurra per lui, e Cruz. Julio Cesar protegge i pali nerazzurri dietro alla difesa composta da Maicon, Cordoba, Burdisso e Santon alla quarta gara consecutiva. Partenza coraggiosa del Torino che non rinuncia a provarci. Al minuto 6 occasione creata da Santon che salta la difesa granata e con un cross morbido serve un pallone centrale che gli avversari respingono. 120 secondi dopo Stankovic viene atterrato a circa 30 metri dalla porta, sulla successiva punizione battuta da Ibrahimovic la palla finisce alta sopra la traversa. Il Torino si fa vedere al 13': spunto di Rosina che, dalla sinistra, serve un bel cross per Bianchi, spedito poi in angolo dalla testa di Burdisso. Al 16' cross di Stankovic dalla sinistra di Sereni, Maxwell ci prova in tuffo ma è in ritardo, l'azione prosegue ed è Santon, con coraggio, a provare la conclusione che finisce a lato. Al 25' Ibrahimovic scarica un sinistro centrale che Sereni para senza problemi. Alla mezz'ora splendida coordinazione di Cruz che, dai 20 metri, mira l'incrocio dei pali e prova la conclusione di pochissimo alta sopra la traversa. Dieci minuti dopo ancora Cruz, su calcio d'angolo battuto da Maicon, impegna severamente Sereni che, con la punta delle dita, devia in angolo uno spettacolare colpo di testa dell'argentino. A due minuti dalla fine del primo tempo, Luis Figo prende il posto di Stankovic, costretto a uscire dolorante a una gamba. Al 44' Dellafiore salva il Torino: Ibrahimovic riceve il lancio verticale di Cruz, avanza da solo tra due avversari ma, in ultimo, il difensore granata gli ruba palla. Dopo 2' di recupero, il primo tempo si chiude sullo 0-0.
SECONDO TEMPO - La ripresa si apre con Quaresma al posto di Maxwell e una brutta sorpresa per i nerazzurri che arriva dopo 120 secondi: affondo di Abate sulla destra, cross in mezzo e girata di testa centrale di Rolando Bianchi che vale l'1-0 per il Torino. All'inizio dell'azione che porta al vantaggio granata, però, Bergonzi non si accorge di un fallo netto di Dzemaili su Figo e convalida il gol. La reazione interista arriva dopo 4 minuti con Cordoba che, di testa, sfiora il pareggio, evitato solo dall'intervento provvidenziale di Sereni. Al 10' rigore netto per l'Inter: braccio largo di Abate in area che Bergonzi giudica assolutamente involontario. Ma l'Inter non ci sta e nell'azione subito successiva, Burdisso approfitta di uno scontro tra Ogbonna e Sereni per colpire il pallone di testa, nel cuore dell'area(13') e portare il risultato sull'1-1. Quaresma, 8 minuti dopo, ha la possibilità di raddoppiare ma prova la girata più spettacolare e anche più difficile, spedendo la palla troppo in alto. Al 24' cannonata quasi da fermo di Maicon che di destro manda il tiro fuori di un soffio. Ancora Inter: Santon avanza sulla sinistra e cede il pallone a Ibra che ci prova dal limite: la conclusione è troppo alta (28'). Al 32' fallo di Paolo Zanetti su Ibrahimovic e punizione da posizione interessante battuta da Figo, traiettoria indovinata dal portoghese che trova però la deviazione granata: corner. La vera palla gol per i nerazzurri arriva al 38: su calcio d'angolo battuto da Quaresma, la palla rimbalza da Ibra, Cambiasso e arriva a Crespo che in girata sfiora di un soffio la traversa. L'Inter insiste e cerca di cambiare la partita in un finale che non cambia il risultato solo grazie a Sereni che, in successione, para un destro di Quaresma da fuori area (39'), manda in angolo l'assalto di Maicon (40') e si oppone a Crespo che poi scolpisce il palo ('42). Ma dal 45' la partita diventa da cardiopalma: prima Quaresma sciupa l'occasione spedendo la palla in piena curva, dopo Ibrahimovic colpisce di testa in modo angolato, la palla balla sulla linea e poi si stampa sul palo destro.  Dopo 4 minuti di recupero Inter-Torino si chiude sull'1-1.