COPPA EUROPA CENTRALE 1930

Milano, 28 settembre 1930 – andata semifinale

Ambrosiana Inter – Sparta Praga 2-2

Ambrosiana Inter: Degani, Bolzoni, Allemandi, E. Rivolta, Viani, Castellazzi,
U. Visentin, Serantoni, G. Meazza, Blasevich, Conti. Allenatore: Weisz

Sparta Praga: Belik, Burgr, Ctyroky, Madelon, Kada, Srbek, Podrazil, Kostalek, Braine, Silny, Hejma

Reti: 1’ e 15’ Kostalek, 27’ e 65’ Serantoni

Arbitro: Langenus (Belgio)

Note: spettatori 15.000 circa. L’Ambrosiana Inter batte il calcio d’inizio ma il pallone è conquistato da Silny il quale si porta verso il fondo ed effettua un traversone, sulla sfera giunge Kostalek che tira a rete e batte l’incolpevole Degani, non sono passati neanche 20 secondi e lo Sparta Praga è già in vantaggio. Al 15’ minuto gli ospiti raddoppiano: traversone di Hejma, Degani sbaglia l’uscita e pallone che giunge a Kostalek il quale lo spinge in rete da pochi passi. Al 27’ l’Ambrosiana Inter accorcia le distanze: Serantoni passa la palla a Rivolta il quale chiude il triangolo e gliela restituisce, gran tiro raso terra e sfera che finisce in fondo al sacco. Al 35’ l’Ambrosiana Inter resta in dieci uomini: Braine riceve palla e in contrattacco si fionda verso la porta avversaria, supera due terzini e si presenta davanti a Degani il quale si butta tra i suoi piedi e sventa il pericolo, Braine, però, nella foga lo colpisce e il povero Degani è costretto a uscire dal campo per non farvi più ritorno, al suo posto, tra i pali, si presenta Visentin. La ripresa è un continuo alternarsi di attacchi e al 65’ giunge il meritato pareggio dell’Ambrosiana Inter: Meazza serve Serantoni il quale, da una ventina di metri, lascia patire un gran tiro con il pallone che termina la sua corsa sotto la traversa e in fondo alla rete.