CAMPIONATO 1938/39

Bari, 8 gennaio 1939 – XIII° giornata

Bari - Ambrosiana Inter 4-1

Bari: Ricciardi, Del Bianco, Di Gennaro, Bonino, Mancini, Andrighetto, Costantino, Cappellini, Dugini, Capocasale, Duè.

Ambrosiana Inter: Sain, Buonocore, Campatelli, Locatelli, Olmi, Vale, Rovelli. Meazza, Suber, Ferrari, Candiani. Allenatore: Cargnelli Tony

Reti: 34’ Costantino, 60’ , 64’ e 82’ Dugini, 85’ Meazza

Arbitro: Tonetti di Roma

Note: inizio d’incontro con l’Ambrosiana Inter che conduce la prima azione d’attacco conclusa con un tiro a lato da Candiani. Il Bari risponde subito e Duè si produce in due discese non sfruttate dai compagni, poi l’Ambrosiana Inter prende in mano le redini dell’incontro e sfiora il vantaggio prima con Rovelli, a lato di pochissimo il suo tiro, e poi con Suber, super parata di Ricciardi. Fino alla mezzora la squadra nerazzurra cinge d’assedio la difesa barese che si difende con quasi tutti i suoi effettivi, poi al 34’, in una sporadica azione offensiva, il Bari si porta in vantaggio: Sain rimette in gioco il pallone che è intercettato da Mancini, passaggio immediato a Costantino il quale giunge in corsa e scaraventa la sfera in fondo alla rete. La reazione dell’Ambrosiana Inter è rabbiosa e violenta, Meazza prima sfiora il palo e poi impegna Ricciardi con un tiro dai venti metri. Ultimo minuto con Ricciradi autore di una nuova spettacolare parata e poi il primo tempo termina con il Bari in vantaggio. Inizio di ripresa con i nerazzurri che vanno al tiro con la cadenza di ogni minuto, ci provano Olmi, Meazza, Ferrara, Suber e ancora Meazza ma il pallone non riesce a centrare la porta e al 60’ il Bari, nella sua prima azione offensiva della ripresa, trova il gol del raddoppio: Mancini strappa il pallone a Suber e lancia in contropiede Costantino che smista il pallone a Dugini il quale sopraggiunge in piena corsa e lo mette alle spalle di Sain. L’Ambrosiana Inter ricomincia ad attaccare e il Bari, passati quattro minuti, segna il terzo gol: Mancini strappa il pallone, questa volta, a Olmi e lo lancia a Cappellini, la mezz’ala barese passa il pallone a Dugini che lo mette in rete, in pratica è la fotocopia del secondo gol barese. L’Ambrosiana Inter non demorde e sfiora la rete con tiri di Ferrari e Rovelli, al 70’ punizione dal limite per i nerazzurri, tira Meazza e Riccardi para. Ancora tiri di Ferrari e Meazza parati da Ricciardi e al 76’ il Bari si riaffaccia in area di rigore nerazzurra e colpisce la traversa con un tiro di Duè. Altre azioni nerazzurre senza esito e all’82’ il Bari segna il quarto gol: Mancini intercetta il pallone e lo serve a Duè il quale lancia Costantino, pallone al centro per Dugini che con un rasoterra lo mette nella porta difesa da Sain. Passano tre minuti e l’Ambrosiana Inter riesce finalmente a realizzare un punto: bella azione in tandem tra Ferrari e Meazza con quest’ultimo che si accentra e mette il pallone nella rete barese. Ultimo minuto che vede Ricciardi autore dell’ennesima parata, il tiro è stato scoccato da Vale, e poi fischio finale del sig. Tonetti, Bari batte Ambrosiana Inter 4 a 1.