CAMPIONATO 1932/33

Milano, 6 novembre 1932 – VII° giornata

Ambrosiana Inter - Milan 5-4

Ambrosiana Inter: Ceresoli, Ballerio, Allemandi, Serantoni, Viani, Castellazzi, F. Frione, A. Demaria, Meazza, Mihalich, Levratto. Allenatore: Arpad Veisz

Milan: Compiani, Perversi, Bonizzoni, Marchi, Pomi, Torriani, Arcari, Moretti, Romani, Magnozzi, Kossovel.

Reti: 2’ Demaria, 6’ Mihalic, 10’ Magnozzi, 25’ Demaria, 44’ Levratto, 59’ Arcari, 74’ Moretti, 76’ Meazza, 79’ Magnozzi

Arbitro: Scorzoni di Bologna

Note: angoli 9 a 2 per l’Ambrosiana Inter. Primo tempo ad appannaggio dell’Ambrosiana Inter in virtù di un gioco ordinato e di buona tecnica, ripresa che vede il vigoroso tentativo di rimonta del Milan che ha avviato l’incontro sui binari della combattività con fasi molto emozionanti ma disordinate. La prima azione è dei rossoneri ma la contro risposta dei nerazzurri è letale: al 2’ minuto palleggio Levratto – Demaria, con quest’’ultimo che batte imparabilmente Compiani. Passano quattro minuti e l’Ambrosiana Inter raddoppia: traversone di Frione e Mihalich trafigge per la seconda volta il portiere rossonero. Il Milan sembra frastornato ma al 10’ trova il suo primo gol: Moretti serve Magnozzi che batte Ceresoli. In questa prima frazione è l’Ambrosiana che conduce le danze e al 25’ segna il terzo gol con Demaria che sfrutta alla perfezione un traversone di Levratto. Al 43’ Mihalich è costretto ad abbandonare il campo per una botta a una gamba e al 44’ Levratto, su allungo di Meazza, si esibisce in una fuga con tiro conclusivo che fa sbattere il pallone sotto la traversa per poi terminare in rete. La ripresa inizia con qualche tentativo nerazzurro, poi al 59’ il Milan trova il secondo gol con Arcari che approfitta di una respinta fortuita, di schiena, di un avversario e al volo mette il pallone in rete. Al 74’ i rossoneri accorciano ancora di più le distanze con Moretti che mette il pallone in gol di testa. Passano due minuti e Meazza ristabilisce le distanze sfruttando un centro di Frisone. Passano altri tre minuti e Romani riceve palla in netto fuorigioco, l’arbitro non fischia e pallone che giunge a Magnozzi che lo spinge in rete. Ultimi minuti con il Milan che tenta l’impresa, ma i nerazzurri tengono bene fino alla fine ed escono vittoriosi con il punteggio di 5 a 4.