CAMPIONATO 1930/31

Milano, 31 maggio 1931 – XXIX° giornata

Ambrosiana - Roma 5-0

Ambrosiana: Smerzi, Bolzoni, Allemandi, Pietroboni, Castellazzi, Rivolta, U. Visentin, Serantoni, Meazza, Blasevich, Ferrero. Allenatore: Arpad Veisz

Roma: Masetti, Ferraris IV, Bodini, Degni, Bossi, D’Aquino, Costantini, Fasanelli, Volk, Lombardo, Chini.

Reti: 30’ e 51’ Meazza, 62’ Visentin (r), 65’ Ferrero, 67’ Blasevich

Arbitro: Carraro di Padova

Note: oggi all’Arena, un pubblico delle grandi occasioni ha assistito a un incontro che ha visto l’Ambrosiana imporre la propria superiorità alla Roma con cinque gol validi, un gol annullato, tre pali e 9 calcio d’angolo. Prima frazione altamente spettacolare con l’Ambrosiana che attacca per tutto il tempo: al 11’ un tiro di Serantoni viene fermato sulla linea, al 13’ Ferrero si vede annullare un gol fantastico per un precedente fallo di Serantoni, al 15’ Serantoni colpisce la base del palo a Masetti battuto. Ancora tiri di Visentin e Meazza che sfiorano i pali e al 30’ giunge il meritato vantaggio: Meazza prende palla a metà campo e opera una fuga che lo porta davanti a Masetti uscitogli incontro, tocco sotto delizioso e pallone che entra docilmente in rete. Ancora attacchi nerazzurri ma il punteggio non cambia e si va a riposo. La ripresa inizia sempre con i nerazzurri in avanti e al 51’ Meazza, servito da Serantoni, raddoppia con un forte rasoterra. Al 62’ Ferrero si presenta davanti a Masetti e viene messo a terra, calcio di rigore che Visentin trasforma. Al 64’ Ferrero colpisce il palo e un minuto dopo segna il quarto gol nerazzurro. Passano ancora due minuti e Blasevich porta a cinque i gol nerazzurri segnando di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. A questo punto l’Ambrosiana si placa e la Roma si rende pericolosa con Volk e Ferraris, ma i loro tiro sono ben parati da Smerzi. Al 83’ sono espulsi Ferrero e Degni per essere venuti alle mani.