COPPA UEFA 1996/97

Monaco, 22 aprile 1997 – ritorno semifinale

Monaco - Inter 1-0

Monaco: Barthez, Blondeau, Djetou, Dumas, Martin (87’ Grassi), Legwinski, Petit, Scifo, Collins (62’ Henry), Anderson, Ikpeba. A disposizione: Porato, Irles, Diao. Allenatore: Tigana

Inter: Pagliuca, Angloma, M. Paganin, Fresi, Bergomi, Zanetti, Sforza, Ince, Winter (73’ Branca), Djorkaeff, Ganz (88’ Galante). A disposizione: Mazzantini, Berti, D’ Autilia. Allenatore: Hodgson

Rete: 69’ Ikpeba

Arbitro: Van Der Ende (Olanda)

Note: serata fresca, spettatori 16.000 circa di cui oltre 5.000 interisti, angoli 12 a 2 per il Monaco. Visto il risultato dell’andata il Monaco inizia l’incontro in avanti e all’ 8’ segna con Djetou, ma l’arbitro vede un fallo ai danni di Bergomi ed annulla il punto. Al 10’ e al 26’ Pagliuca deve distinguersi per due bei interventi su tiri di Martin e Legwinski, poi dopo la mezz’ora, la foga agnostica dei francesi scema e si giunge fino alla fine del primo tempo senza ulteriori occasioni da gol. L’inizio della ripresa è come l’inizio della partita, Monaco che tiene il pallino del gioco senza però costruire nulla di veramente pericoloso. Al 62’ nelle file del Monaco entra Henry e proprio una manciata di secondi dopo è lo stesso Henry a mettere il pallone in rete, ma anche questa volta il sig. Van Der Ende annulla giustamente il punto per netta posizione di fuorigioco del nuovo entrato. Al 69’ giunge il gol del Monaco: Anderson controlla vistosamente con un braccio il pallone e serve Ikpeba il quale è lesto nell’arpionarlo e nell’indirizzarlo in rete, anche questo gol sarebbe da annullare ma l’arbitro, forse, non se la sente di annullare un gol per la terza volta. A questo punto il Monaco ci crede alla qualificazione e si riversa tutto in avanti lasciando intere praterie al contropiede nerazzurro che sfiora il gol prima con Ganz, al 72’, che si fa anticipare da Djetou quando ha scavalcato anche il portiere e poi con Branca, al 79’, che coglie il palo. Ultimi minuti di autentico assedio alla porta di Pagliaca con anche il portiere del Monaco stabilmente in avanti, ma la retroguardia nerazzurra tiene bene e alla fine è l’Inter a guadagnarsi l’accesso alla finale.