COPPA UEFA 1988/89


Milano, 07 settembre 1988 - andata trentaduesimi di finale

Inter - IK Brage 2-1

Inter: Malgioglio, Bergomi, Baresi, Brehme, Ferri, Mandorlini, Bianchi (80’ Rocco), Berti, Diaz, Matteoli, Ciocci (56’ Morello). Allenatore: Trapattoni

IK Brage: Andersson, Nikolov, Arnberg, Englund, Grandberg, Peratalo (56’ Brcic), Hunt, Alatensio, Kallstroem, Bergort (67’ Nillson), Hallman. Allenatore: Lindstedt

Reti: 41’ Diaz (r), 65’ Amberg (r), 89’ Matteoli

Arbitro: Craciunescu (Romania)

Note: cielo sereno, spettatori paganti 30.901 per un incasso di 523 milioni, angoli 6 a 0 per l’Inter. Parte bene l’Inter che al 1’ sfiora il gol con una deviazione di Bergomi su centro di Diaz e con il pallone che esce di pochissimo a lato. Al 18’ colpo di testa di Brehme, Andersson para con bravura e al 36’ gran tiro di Brehme con fortunosa parata di Andersson. L’Inter ha in mano le redini del gioco e al 41’ passa in vantaggio: Bianchi per Berti che in piena area di rigore è atterrato da Nikolov, è calcio di rigore che Diaz trasforma con freddezza. La ripresa inizia con le due squadre che si annullano a vicenda sino al 65’ quando Hunt recupera palla in area nerazzurra, sembra che debba perdere la sfera ma Ferri è irruento e lo atterra, è calcio di rigore che Amberg trasforma malgrado Malgioglio tocchi la palla. L’Inter torna alla carica ma i suoi attacchi sono confusi, al 75’ colpo di testa di Mandorlini con pallone che esce a lato e al 77’ colpo di testa di Morello ben parato da Andersson. All’ 89’ giunge il gol della vittoria nerazzurra: Berti si esibisce in una azione personale che lo porta fin dentro l’area avversaria, passa la palla a Matteoli il quale con un bel rasoterra supera Andersson.