COPPA DEI CAMPIONI 1963/64

Milano, 04 marzo 1964 - ritorno quarti di finale

Inter - Partizan Belgrado 2-1

Inter: Sarti, Burgnich, Facchetti, Tagnin, Guarneri, Picchi, Jair, Mazzola, Suarez, Szymaniak, Corso. Allenatore: Helenio Herrera

Partizan Belgrado: Soskic, Sombalac, Mihajolivic, Radovic, Jovanovic, Miladionovic, Kovacevic, Bajic, Galic, Milutinovic, Cebinac. Allenatore: Rusevijanin

Rete: 25’ Corso, 42’ Jair, 68’ Bajic

Arbitro: Tschenscher (Germania)

Note: primi minuti di gioco piuttosto noiosi, poi al 25’ Jair scende velocissimo superando vari avversari, salta anche il portiere ma si defila troppo ed allora scorge in area Corso e gli passa la palla, tocco e pallone in rete, Inter in vantaggio. Al 42’ l’Inter raddoppia: Mazzola ruba palla a Jovanovic e scatta verso la porta avversaria, Soskic gli esce incontro e Mazzola passa la palla a Jair che tutto solo non ha difficoltà a metterla dentro. Ad inizio di ripresa Facchetti s’infortuna e si deve spostare all’ala, mentre al 57’ Suarez si produce in una strepitosa azione personale, scatta sulla sinistra e supera tre avversari, si presenta solo davanti al portiere ospite, tenta di superarlo ma questa volta Soskic è più bravo e ferma la sfera. Dopo qualche minuto anche Suarez è vittima di un infortunio e il Partizan ne approfitta accorciando le distanze con un gran tiro di Bajic al 68’. Il Partizan ora ci crede e spinge ancora di più ma è l’Inter, in contropiede, a sfiorare in più di una occasione la terza rete. Alla fine il risultato non cambia più e l’Inter si qualifica per la semifinale.