COPPA UEFA 2000/01

Milano, 22 febbraio 2001 – ritorno ottavi di finale

Inter - Deportivo Alaves 0-2

Inter: Frey, Cirillo (83’ Pacheco), Blanc, Cordoba, Brocchi (70’ Seedorf), Zanetti, Di Biagio, Farinos, M. Serena (70’ Ferrari), Vieri, Recoba. A disposizione: Ballotta, Macellari, Cauet, Sukur. Allenatore: Tardelli

Deportivo Alaves: Herrera, Contra, Eggen, Tellez, Geli, Desio, Pablo (62’ Magno), Tomic, Jordi Cruijff, Ivan Begona (62’ Ivan Alonso), Javi Moreno (81’ Azkoitia). A disposizione: Kike Burgos, Ganan, Vucko, Sarriegi. Allenatore: Esnar

Reti: 78’ Jordi Cruijf, 84’ Tomic

Arbitro: Barber (Inghilterra)

Note: spettatori paganti 9.845 per un incasso di lire 325. 965.000. Primo tempo dai ritmi bassi, all’Inter il pareggio va più che bene mentre il Deportivo, che deve vincere per superare il turno, non spinge più di tanto. Finale di tempo con tiro di Di Biagio deviato da Herrera in calcio d’angolo, dagli sviluppi dell’angolo pallone per Blanc, colpo di testa e pallone che batte sul fianco di Ivan Begona che salva. La ripresa inizia con l’Alaves alla ricerca del gol qualificazione, con l’Inter che controlla piuttosto bene e che punge in contropiede: al 71’ Di Biagio lancia Recoba il quale però spreca la favorevole occasione non riuscendo a concludere a rete. Al 78’ gli spagnoli passano in vantaggio: gran tiro di Jordi Cruijff dal limite dell’area e Frey è battuto anche perché ingannato da una lieve deviazione di Cirillo. Passano pochi minuti e Tomic, in contropiede, si trova solo di fronte al portiere nerazzurro, tiro dal limite dell’area e pallone in rete per il raddoppio del Deportivo. A questo punto il pubblico nerazzurro contesta e la partita è interrotta. L’arbitro inglese fa riprendere la gara concedendo dieci minuti di recupero, ma la pesante contestazione di San Siro continua e costringe il delegato UEFA a chiedere la sospensione definitiva.