CAMPIONATO 1939/40

Genova, 10 dicembre 1939 – XI° giornata

Genova 1893 - Ambrosiana Inter 2-2

Genova 1893: Zaro, Marchi, Sardelli, Genta, Battistoni, Perazzolo, Neri, Gabardo, Bertoni, Scarabello, Conti.

Ambrosiana Inter: Peruchetti, Buonocore, Setti, Locatelli, Olmi, Campatelli, Frossi, A. Demaria, Guarnieri, Candiani, P. Ferraris. Allenatore: Cargnelli Tony

Reti: 13’ Candiani, 23’ Gabardo, 54’ Conti, 58’ Demaria (r)

Arbitro: Mattea di Torino

Note: spettatori 18.000 circa per un incasso di 175.345 lire. Inizio d’incontro sotto un cielo nero e con il Genova in attacco, al 7’ minuto Neri riceve il pallone da Perazzolo e si incunea in area nerazzurra, tira in porta e realizza un gol, gol che però è annullato per fuorigioco. Al 13’ azione nerazzurra fermata con le cattive, calcio di punizione battuto da Campatelli, uscita di Zaro completamente a vuoto e pallone che giunge a Candiani il quale anticipa di testa il portiere ed entra con tutto il pallone in rete, Ambrosiana Inter in vantaggio. Il Genova non ci sta e attacca a testa bassa, i tiri verso Peruchetti si susseguono e al 23’ giunge la rete del pareggio: lungo traversone da sinistra verso destra, in area nerazzurra saltano in tanti e Gabardo, forse con un pugno, mette in rete la sfera. Primo tempo terminato in parità e ripresa che inizia con i nerazzurri che attaccano, poi piano piano il Genova prende in mano la partita e al 54’ passa in vantaggio: Gabardo riceve il pallone a metà campo e lo allunga a Neri il quale centra forte in area nerazzurra dove arriva puntuale Conti che di testa mette alle spalle dell’incolpevole Peruchetti. Reazione pronta dell’Ambrosiana Inter e pareggio nerazzurro che giunge quattro minuti dopo: Frossi si incunea in area genoana e Sardelli lo ferma con uno sgambetto, è calcio di rigore che Demaria trasforma per il definitivo pareggio. C’è ancora tempo per un rigore reclamato da Conti, un gol annullato a Ferraris e un’espulsione per Conti, poi tutti a casa con un punto ciascuno.