CAMPIONATO 2011/12

Milano, 11 aprile 2012

Inter - Siena 2-1

 

Marcatori: 6' D'Agostino, 42' Milito, 81' Milito (rig)

Inter: Julio Cesar, Zanetti, Lucio, Samuel (83' Nagatomo), Chivu, Cambiasso, Stankovic, Obi (68' Poli), Alvarez (76' Pazzini), Milito, Zarate. A disposizione: Castellazzi, Forlan, Guarin, Ranocchia. Allenatore: Andrea Stramaccioni

Siena: Pegolo, Vitiello (73' Contini), Terzi, Pesoli, Del Grosso, Mannini, Vergassola, Bolzoni (63' Gazzi), Brienza, D'Agostino (62' Gonzalez), Destro. A disposizione: Brkjc, Belmonte, Grossi, Sestu. Allenatore: Giuseppe Sannino

Arbitro: Andrea Romeo (sez. arbitrale Verona)

Note. Spettatori paganti 46.327. Ammoniti: 20' Samuel, 45' Pesoli, 60' Vitiello, 84' Mannini, 85' Contini. Espulsi: 93' Pegolo. Recupero: pt 1', st 3'

MILANO - Diego Milito, ancora lui: davanti al pubblico del 'Meazza' l'Inter trova la vittoria, in rimonta, grazie alla doppietta del Principe, alla terza gara di Andrea Stramaccioni sulla panchina della squadra maggiore. Contro il Siena termina 2-1, dopo che ad aprire le marcature era stato D'Agostino: ma l'Inter preme per tutta la gara e trova prima il pari, alla fine del primo tempo, per agguantare quindi i tre punti su rigore, nella ripresa. Nerazzurri a 48: sette punti in tre gare per Stramaccioni.

PRIMO TEMPO - Contro il Siena il tecnico nerazzurro ritrova Alvarez (assente dal 12 febbraio, Inter-Novara), che viene schierato nel tridente offensivo insieme a Milito e Zarate. In porta riprende il suo posto Julio Cesar, davanti a lui la coppia di centrali difensivi Lucio e Samuel, con Zanetti e Chivu laterali. Il capitano nerazzurro raggiunge le 570 presenze in serie A, uguagliando Dino Zoff al terzo posto nella classifica dei più presenti nella massima serie (primo Maldini a 647, secondo Pagliuca a 592). A centrocampo Cambiasso, Stankovic e Obi.

Parte aggressiva l'Inter, ma al 6' a portarsi in vantaggio è il Siena, con D'Agostino, dopo il doppio miracolo di Julio Cesar prima su Destro e poi su Brienza. I nerazzurri non si demoralizzano, proseguendo con decisione e lucidità nella manovra di gioco. Al 17' pennellata di Chivu per Milito che spizzica di testa, ma la palla finisce larga sul secondo palo e Cambiasso non riesce a rimetterla in gioco. Un minuto dopo Milito - a contatto con Vitiello - va giù in area: la spinta è evidente ma Romeo lascia correre. Al 23' l'Inter trova la rete che non viene però convalidata: sugli sviluppi del corner c'è Cambiasso a segnare, ma l'arbitro aveva già fischiato per gioco pericoloso di Milito sul portiere del Siena. La squadra di Stramaccioni non si perde d'animo, con il Principe a rendersi ancora pericoloso quattro minuti dopo: in parata c'é però Pegolo a dirgli di no. Dopo l'errore sul primo gol, Samuel riesce a rifarsi al 35', con un salvataggio perfetto su Brienza, sventando così l'azione pericolosa del Siena. Poco dopo l'argentino è però costretto a lasciare il campo per infortunio, al suo posto Nagatomo, con Chivu che va a fare il centrale. Combinazione da applausi tra Stankovic e Alvarez al 41', ma poi la conclusione del serbo è purtroppo da dimenticare. Un minuto dopo, al 42', l'Inter trova il pari sull'errore di Pesoli, che sugli sviluppi del calcio d'angolo nerazzurro svirgola nel tentativo di spazzare ma che praticamente sforna un assist al bacio per Milito, che la mette dentro di testa. Dopo un minuto di recupero, termina 1-1 la prima frazione di gioco tra Inter e Siena.

SECONDO TEMPO - La ripresa si apre senza cambi. Al 9' Milito quasi trova il 2-1 ma viene contrastato da Pesoli, dopo che Pegolo non era riuscito a trattenere la palla sul sinistro di Alvarez. Un minuto dopo il portiere del Siena dice ancora no, questa volta a Stankovic. I nerazzurri continuano a farsi avanti con determinazione. Bella azione, subito dopo, con Milito che libera di tacco Obi in area, che cerca Cambiasso: tiro fuori equilibrio sul fondo. Al 18' a farsi vedere con uno stop incredibile è Zarate: cross in profondità dell'argentino per Milito, che finta per Cambiasso, ma quest'ultimo non arriva sul pallone. Al 35' Pesoli abbraccia in area di rigore Pazzini, ma anche in questo caso Romeo lascia correre. Un minuto dopo, però, la massima punizione arriva, l'arbitro non può non concederla stavolta, per la trattenuta di Mannini su Nagatomo. A trasformare dal dischetto è Milito: 2-1 per l'Inter. Il Principe sale a quota 20 nella classifica marcatori. Dopo tre minuti di recupero, nonostante la pressione dei toscani nel finale, termina 2-1 il match tra Inter e Siena, nerazzurri a 48 punti, raggiunto il Napoli. Sette punti in tre gare per Stramaccioni.

Il primo gol di Milito

Il secondo gol di Milito