CAMPIONATO 2010/11

XX° giornata

Milano, 15 gennaio 2011

Inter - Bologna 4-1


Marcatori: 20' Stankovic, 30' Milito, 18' st e 27' st Eto'o, 32' st Gimenez.

Inter: Castellazzi, Maicon, Lucio, Cordoba, Chivu; Zanetti (41' st Santon), Cambiasso, Thiago Motta (23' st Mariga); Stankovic; Eto'o (30' st Pandev), Milito. A disposizione: Orlandoni, Ranocchia, Materazzi, Biabiany. Allenatore: Leonardo.

Bologna: Viviano; Garics, Britos, Portanova, Rubin; Ramirez (36' st Buscè) , Perez, Mudingayi (5' st Gimenez), Della Rocca; Ekdal (28' st Casarini); Di Vaio. A disposizione: Lupatelli, Esposito, Radovanovic, Cherubin. Allenatore: Alberto Malesani.

Arbitro: Gabriele Gava di Conegliano.
Note. Spettatori: 52.724 Recupero: 2'-3'


MILANO - Corre, segna e vince ancora l'Inter, portando a quattro i successi consecutivi dall'arrivo di Leonardo in panchina: Bologna sconfitto 4-1 nel match, anticipo valido per la 20^ giornata della serie A Tim, che celebra un altro importantissimo record di capitan Zanetti. Javier come lo Zio: oggi, quello che fu il primo acquisto del presidente Massimo Moratti eguaglia il record di presenze in serie A con la maglia dell'Inter detenuto da Bergomi. Inarrestabile il Trattore lo è anche stasera, contribuendo nel suo modo sempre fondamentale, alla vittoria nerazzurra.

Prima, l'assist di Eto'o per Stankovic e il tap-in vincente del Drago. Poi, quello che tutti i tifosi chiedevano in coro: "Diego Milito facci un gol", cantano sugli spalti ed ecco che il gol arriva, con il sinistro del Principe che batte Viviano per il 2-0. Segna Stankovic, segna Milito, come può non segnare anche Eto'o? Detto fatto: splendido tacco del principe e il bomber nerazzurro cala il tris per la sua 22^ rete stagionale, che il camerunese aumenta di una appena 9' dopo, su calcio di punizione. È poker nerazzurro, ma Gimenez un gol lo fa.


PRIMO TEMPO - Leonardo conferma per intero la formazione che ha sconfitto il Catania nell'ultimo turno di campionato. Bomber Di Vaio, undici gol già realizzati in questa stagione, si prende sulle spalle le speranze di un Bologna in cerca di punti per risalire la classifica pur lottando con le penalizzazioni. Ma inizia alla grande l'Inter, detta il passo e i rossoblu non possono far altro che starci dietro: al 4' è il dialogo Cambiasso-Milito che porta alla prima conclusione dei nerazzurri verso la porta, è Milito che però viene chiuso in corner. Sugli sviluppi, fa di più il principe colpendo, di testa, il palo sulla sponda di Lucio (5'). All'argentino replica Eto'o che al 6' si vede parare da Viviano un gran destro dal limite. Il terreno è insidioso, ma lo è forse ancor di più l'assedio dei nerazzurri alla porta di Viviano. Al 12' ci prova anche il Bologna con un sinistro da fuori area di Ramirez, Castellazzi devia in corner. E mentre gli emiliani provano a bucare la difesa nerazzurra, il velo di Garics è per Ramirez che guadagna l'area, ma deve fare I conti con Lucio. Arriva al 20' il vantaggio dell'Inter: approfittando dell'errore difensivo di Mudingaiy, Eto'o innesta il contropiede trovando un attentissimo Stankovic a raccogliere il passaggio in diagonale per il tap-in vincente. Passano appena 10' e il raddoppio arriva con quella che tutta la curva nerazzurra chiedeva dall'inizio del match: un gol di Diego Milito. Sul lancio verticale da metà campo di Thiago Motta, il principe arpiona il pallone e con il sinistro batte Viviano nell'angolino sul secondo palo, il portiere rossoblù tocca, ma non trattiene ed è 2-0. Arriva invece al 34' la più grande occasione per il Bologna: Di Vaio si libera della doppia marcatura e cerca la porta, è un super Castellazzi quello che respinge in corner. Il bomber rossoblù ci riprova 2' più tardi su calcio di punizione ed è ancora il portiere nerazzurro a dire no mettendo in angolo. Dopo 2' di recupero, Gava manda le squadre negli spogliatoi.

SECONDO TEMPO - La ripresa si apre senza cambi, il primo arriva dopo 5' e vede Gimenez protagonista in campo al posto di Mudingayi. Proprio l'uruguaiano, sull'assist tra le linee di Ramirez, cerca la porta dall'interno dell'area, ma sotto il pressing di Maicon, calcia alto. Ancora calcio di punizione per il Bologna al 10' e ancora Di Vaio, che non trova il gol solo di pochissimo: la palla esce di un soffio alla destra di Castellazzi. Aumenta il forcing della squadra emiliana e proprio nel momento di maggiore difficoltà, sono i nerazzurri ad andare ancora in gol con Eto'o e lo splendido uno-due con Milito: tacco del Principe a servire il camerunese che, con il suo 22esimo centro stagionale, batte Viviano per il 3-0. Al 27', il primo cambio di Leonardo: dentro Mariga, Thiago Motta lascia il campo, mentre Eto'o non si ferma più. Su calcio di punizione, il bomber nerazzurro colpisce ancora e sorpassando la barriera gonfia la rete per il 4-0. Gli concede la standing ovation Leonardo e dalla mezz'ora in campo c'è Pandev. Accorcia le distanze il Bologna al 32', ci riesce con Gimenez, fortunato a pescar palla dopo che nessuno dei compagni aveva trovato il tocco giusto verso Castellazzi. Di Vaio non si arrende, mentre c'è tutto il "Meazza" in piedi per accompagnare l'uscita dal campo di capitan Zanetti quando, al 42', lascia il posto a Santon. Tre minuti di recupero e poi il fischio di Gava: Inter batte Bologna 4-1 e in classifica i punti sono 32. La corsa continua...

 

Stankovic porta in vantaggio l' Inter

 

Il gol di Stankovic da altra angolazione

 

Milito raddoppia per l' Inter

Il gol di Milito da altra angolazione

 

Eto' o su punizione, porta a quattro i gol dell' Inter

La punizione di Eto'o da altra angolazione