COPPA DEI CAMPIONI 1966/67

Lisbona, 25 maggio 1967 - finale

Celtic Glasgow - Inter 2-1

Celtic Glasgow: Simpson, Graig, Gemmell, Murdoch, McNeill, Clark, Johnstone, Wallace, Chalmers, Auld, Lennox. Portiere di riserva Falton. Allenatore: Stein

Inter: Sarti, Burgnich, Facchetti, Bedin, Guarneri, Picchi, Domenghini, Mazzola, Cappellini, Bicicli, Corso. Portiere di riserva Minussi. Allenatore: Helenio Herrera

Reti: 6’ Mazzola (r), 62’ Gemmell, 83’ Chalmers

Arbitro: Tschenscher (Germania Occidentale)

Note: terreno in ottime condizioni, spettatori 70.000 circa. La prima azione degna di nota e dell’Inter che al 2’ si conquista un calcio di punizione sui cui sviluppi Simpson anticipa di un soffio Facchetti. Al 3’ sfera da Corso a Cappellini il quale traversa per Mazzola che in tuffo impegna Simpson in una parata d’istinto. Al 4’ il Celtic risponde con un tiro di Johntone che costringe Sarti a una parata in due tempi. Al 6’ Inter in vantaggio: Mazzola passa il pallone a Cappellini che in piena area di rigore è fronteggiato da Graig il quale lo mette a terra, è calcio di rigore, batte Mazzola e pallone in rete. Gli scozzesi reagiscono subito al gol subito e all’ 11’ colgono la traversa con un gran tiro dai venti metri ad opera di Auld. Il primo tempo continua con il Celtic in avanti, con l’Inter che si rifugia in difesa e con un Sarti veramente insuperabile. La ripresa inizia con il Celtic sempre più proteso in avanti e con l’Inter che sembra ormai non aver più energie per controbattere, Sarti continua a parare tutto e così si giunge al 62’ quando gli scozzesi riescono a raggiungere il pareggio: Clark inizia l’azione e passa la sfera a Graig il quale lancia Gemmell, tiro violentissimo e questa volta Sarti non può fare proprio nulla, sfera in rete. In campo ormai c’è solo una squadra, il Celtic continua ad attaccare e soltanto le prodezze di Sarti e un pizzico di sfortuna le impediscono di essere in vantaggio. L’Inter non c’è proprio più e all’ 83’ giunge il gol vittoria: azione che parte da Murdoch che dai 25 metri tenta il gran gol, pallone che certamente uscirebbe fuori ma Chalmers si avventa sulla sfera e da pochi passi la mette in rete. L’ Inter non ha la forza di reagire e al 90’ il sig. Tschenscher fischia la fine delle ostilità, il Celtic è Campione d’Europa.