COPPA DEI CAMPIONI 1965/66

Bucarest, 01 dicembre 1965 - andata ottavi di finale

Dinamo Burarest - Inter 2-1

Dinamo Bucarest: Dateu, Popa, Ivan, Ghergheli, Nunweiler III, Nunweiler IV, Pircalab, Fratila, Ene, Stefan, Haidu. Allenatore: Niculescu

Inter: Sarti, Guarneri, Landini, Malatrasi, Bedin, Picchi, Jair, Domenghini, Gori, Peirò, Corso. Allenatore: Helenio Herrera

Reti: 12’ Peirò, 25’ Fratila, 52’ Haidu

Arbitro: Keller (Svizzera)

Note: spettatori 50.000 circa. Inizio d’incontro molto interessante e al 12’ Inter in vantaggio: scambio tra Jair e Peirò con quest’ultimo che con un tiro secco batte Dateu. L’Inter continua ad attaccare, Guarneri colpisce la traversa ma è la Dinamo a segnare al 26’ con Fratila che devia un traversone di Ghergheli e batte Sarti. L’Inter ritorna in avanti e Domenghini colpisce nuovamente la traversa, siamo al 30’. La ripresa è iniziata da sette minuti e la Dinamo passa in vantaggio con Haidu il quale approfitta dell’unico errore della difesa nerazzurra e supera Sarti. Ora l’Inter attacca incessantemente e gli scontri si fanno sempre più duri. Al 77’ Ghergheli entra durissimo su Corso il quale, appena rialzatosi, insegue l’avversario per vendicarsi, a questo punto una parte del pubblico, circa un duecento tifosi, invade il campo e accerchia i calciatori nerazzurri che si difendono con calci e pugni avendo anche la protezione dei calciatori di casa. L’arbitro sospende l’incontro per cinque minuti per dar modo alla forza pubblica e ai dirigenti della Dinamo di ristabilire l’ordine. Al 37’ la partita ricomincia e al 90’ esatto, senza cioè che sia recuperato il tempo della sospensione, l’arbitro Keller fischia la fine dell’incontro.