COPPA INTERCONTINENTALE 1964

Madrid, 26 settembre 1964 - spareggio finale

Inter - Independiente 1-0

Inter: Sarti, Malatrasi, Facchetti, Tagnin, Guarneri, Picchi, Domenghini, Peirò, Milani, Suarez, Corso. Allenatore: Helenio Herrera

Independiente: Santoro, Acevedo, Decaria, Paflik, Guzman, Maldonado, Bernao, Prospitti, Suarez, Rodriguez, Savoy. Allenatore: Manuel Giudice

Rete: 110’ Corso

Arbitro: Ortiz de Mendibil (Spagna)

Note: pioggia scrosciante, spettatori 60.000 circa. Primo tempo di netto predominio nerazzurro, tante sono le occasioni mancate per un soffio dei nerazzurri, ma il risultato non cambia e all’intervallo si va a reti in bianco. Inizio di ripresa con l’Independiente che si riversa in attacco e ci vuole il miglior Sarti per neutralizzare i tiri argentini, mentre al 51’ è un liscio, a colpo sicuro, di Milani a salvare Santoro ormai battuto. Il resto della ripresa è un continuo attaccare dell’Independiente con l’Inter che punge in contropiede, ma il pallone non entra e quindi si va ai supplementari. Ora all’Inter basterebbe anche il pareggio per diventare Campione del Mondo e di conseguenza gli argentini si buttano in avanti a testa bassa. L’Inter risponde in contropiede e al 14’ Santoro deve uscire dalla sua porta per sbrogliare un pericoloso pasticcio dei suoi difensori. Il primo tempo supplementare finisce con un calcio d’angolo battuto dall’Inter e il secondo tempo supplementare inizia con l’Inter ancora più coperta e con l’Independiente in avanti. Al 5’ minuto, il 110’ complessivo, arriva l’azione decisiva: Corso e Suarez organizzano il contropiede, pallone a Milani che lo passa a Peirò il quale traversa al centro dove Corso lo ferma, prende la mira e lo indirizza in rete. E’ il gol vittoria ed è il gol che laurea l’Inter Campione del Mondo.