COPPA EUROPA CENTRALE 1936

Milano, 19 luglio 1936 – andata semifinale

Ambrosiana Inter - Sparta Praga 3-5

Ambrosiana Inter: Peruchetti, Ballerio, E. Mascheroni, V. Sala, Turchi, Locatelli, Frossi, A. Demaria, Meazza, G. Ferrari, Ferraris. Allenatore: Carraro

Sparta Praga: Klenovec, Kostalek, Ctyroky, Rado, Boucek, Srbek, Fascinek, Zaycek, Braine, Nejedly, Kalocsay

Reti: 9’ Mascheroni (aut), 12’ Braine, 15’ Ferrari, 31’ Meazza, 35’ Ferraris, 40’ Nejedly, 72’ Braine, 84’ Zaycek

Arbitro: Miesz (Austria)

Note: Arena ancora indisponibile e incontro che si disputa a San Siro davanti a circa 20.000 spettatori. Inizio scoppiettante e prima Frossi colpisce la traversa e dopo Meazza sfiora il gol dagli sviluppi di un calcio d’angolo. L’Ambrosiana Inter attacca ma è lo Sparta Praga a passare in vantaggio, Braine lancia Kalocsay il quale traversa a centro area, confusione tra Peruchetti, Nejedly e Mascheroni con quest’ultimo che tocca malamente la sfera e la mette nella propria rete. Passano tre minuti appena e Nejedly smarca Braine il quale si sposta verso destra e con un tiro carico d’effetto beffa Peruchetti. L’Ambrosiana Inter reagisce al doppio svantaggio e al 15’ accorcia le distanze con Ferrari il quale riprende una corta respinta di Klenovec e mette la sfera in rete. Galvanizzata dal gol l’Ambrosiana Inter insiste all’attacco e al 31’ giunge alla parità con Meazza il quale approfitta, con una zampata felina, di una incertezza del lungo portiere dello Sparta Praga. Al 35’ l’Ambrosiana Inter passa in vantaggio con uno spettacolare gol di Ferraris il quale con una splendida rovesciata batte l’esterrefatto Klenovec. Malgrado il sorpasso subito lo Sparta Praga non si scompone, riprende a giocare con ordine e al 40’ raggiunge il pareggio con Nejedly che smarcato da Braine non ha difficoltà a battere il portiere nerazzurro. La ripresa inizia con un legno colpito da Ferraris e con Sala che ferito deve uscire dal campo per poi rientravi visibilmente claudicante. Ora la squadra ospite è padrona del campo, al 60’ colpisce un palo con Zaycek, al 72’ passa in vantaggio con Braine e al 84’ mette il risultato al sicuro con Zaicek.