CHAMPIONS LEAGUE 2002/03

Lisbona, 14 agosto 2002 - andata turno preliminare champions league

Sporting Lisbona - Inter 0-0

Sporting Lisbona: Tiago, Beto, Quiroga, Contreras (76’ R. Fernandes), Rui Jorge, Cesar Prates, Rui Bento, Tonito (58’ C. Ronaldo), P. Barbosa, Quaresma (69’ Kutuzov), Niculae. A disposizione: Santos, Hugo, Kutuzov, Paulo Bento, Luis Felipe. Allenatore: Boloni

Inter: Toldo, J. Zanetti, Cordoba, Materazzi, Coco, Conceicao (79’ Guly), Di Biagio (65’ Almeyda), Dalmat, Morfeo, Kallon (66’ Recoba), Vieri. A disposizione: Fontana, Cannavaro, Corradi, Pasquale. Allenatore: Cuper

Arbitro: Pedersen (Norvegia)

Note: il primo affondo dell'incontro è dell'Inter, preciso lancio in profondità di Dalmat per Coco che s'invola sulla fascia sinistra e con la difesa portoghese che si salva in angolo. Al 20' tripla occasione gol per i nerazzurri: conclusione al volo di Vieri dal limite dell'area, l'estremo difensore portoghese Tiago respinge con i pugni e palla che carambola sui piedi di Morfeo, nuova respinta della difesa lusitana e palla che arriva nei pressi di Conceiçao il quale calcia incredibilmente alto sopra la traversa da posizione favorevolissima. Al 24' è ancora l'Inter a sfiorare il gol: scambio tra Vieri e Kallon con conclusione potente di quest’ultimo che manda il pallone di poco a lato della porta di Tiago. Al 33' calcio di punizione per lo Sporting, batte Niculae e Toldo è chiamato ad un non semplice intervento, passa un minuto e lo Sporting è ancora pericolosissimo con Niculae, ma Toldo sventa ancora. I portoghesi terminano in avanti la prima frazione di gioco e al 45' Toldo è chiamato di nuovo in causa. Dopo un solo minuto di recupero, l'arbitro norvegese Pedersen fischia la fine del primo tempo e la ripresa inizia con un’occasione per i portoghesi: conclusione insidiosa di Barbosa, dai venti metri, che costringe Toldo ad un intervento in tuffo. Al 66' l'Inter sfiora il gol con Morfeo splendidamente lanciato da Dalmat, disperato intervento in scivolata di Contreras e gol evitato. Al 73' percussione di Zanetti sulla destra, il capitano salta due avversari e crossa sul secondo palo per Morfeo che conclude al volo di sinistro con il pallone che termina di poco a lato. A quattro minuti dal termine, clamorosa occasione gol per l'Inter: traversone dalla sinistra di Recoba per l'accorrente Vieri che, incredibilmente, calcia alto sopra la traversa a porta completamente sguarnita. All'87' nuovo traversone, dalla sinistra, di Recoba, Vieri interviene di testa e mette fuori causa Guly meglio piazzato di lui. Dopo tre minuti di recupero Pedersen fischia la fine dell’incontro che termina a reti in bianco.