CAMPIONATO 1929/30

Milano, 19 gennaio 1930 – XIV° giornata

Ambrosiana - Torino 3-0

Ambrosiana: Degani, Gianfardoni, Bolzoni, Rivolta, Viani, Castellazzi, Conti, Serantoni, Meazza, Blasevich, Povero. Allenatore: Arpad Veisz

Torino: Bosia, Martin II, Monti III, Martin III, Colombari, Aliberti, Masetto, Baloncieri, Libonatti, Rossetti, Silano.

Reti: 4’ e 55’ Meazza, 68’ Serantoni

Arbitro: Gonani di Ravenna

Note: spalti gremitissimi da tutto esaurito con centoventimila lire d’incasso. Inizio d’incontro con il Torino che si faceva pericoloso ma poi alla prima sortita offensiva, l’Ambrosiana si porta in vantaggio: siamo al 4’ minuto di gioco ed arrembante azione offensiva nerazzurra, mischia in area granata con Conti che passa la palla a Rivolta che tira, Bosia respinge come può e Colombari cerca di allontanare, pallone che però termina dalle parti di Meazza il cui tiro scuote la rete, Ambrosiana in vantaggio. Nel frattempo Baloncieri si è fatto male e deve abbandonare il campo lasciando il Torino già dal 5’ minuto in dieci uomini. I granata in inferiorità numerica ripiegano in difesa e l’Ambrosiana attacca per tutto l’arco del primo tempo, le azioni pericolose si susseguono ma il punteggio non cambia. La ripresa inizia come era finito il primo tempo e dopo un paio di occasioni mancate l’Ambrosiana raddoppia al 55’: Serantoni lancia Meazza il quale supera Monti III, avanza di qualche metro e batte Bosia con un tiro imparabile. A questo punto il Torino si fionda in attacco e al 57’ sfiora la segnatura con Silano il quale di testa manda incredibilmente fuori. Nel tentativo di segnare, Silano si fa male e dopo pochi minuti deve abbandonare il campo lasciando i propri compagni in nove. A questo punto la partita può considerarsi ormai chiusa, c’è ancora tempo per il terzo gol nerazzurro realizzato da Serantoni al 68’ e per alcune azioni offensive dei padroni di casa non andate a buon frutto per la bravura di Bosia.